BASTA AI VENDITORI ABUSIVI NON DISERTATE IL VOTO ARGOMENTI
 
 

Onestà

L’ONESTA’ E’ IL LUBRIFICANTE DELLA VITA SOCIALE

 

Se nella nostra società un mago, con una bacchetta magica, riuscisse a far scomparire tutto il lubrificante della terra il nostro mondo si fermerebbe. Tutto ciò che ha un motore smetterebbe di muoversi. Noi pensiamo sempre all’Energia come elemento necessario per muovere qualcosa e ci dimentichiamo che il lubrificante è egualmente fondamentale.

 

Senza lubrificante entro poche ore si fermerebbero aerei, treni, navi, automobili , impianti di produzione, macchine agricole, insomma tutto ciò che si muove.

Il lubrificante serve a ridurre gli attriti tra componenti meccanici che devono lavorare insieme, e non possono muoversi alla stessa velocità.

 

L’onestà serve a ridurre i conflitti tra persone che devono convivere. Più aumenta di numero e di complessità la società umana più serve ONESTA’ per impedire ai conflitti di bloccare tutto o esplodere in gravi tragedie.

Ma cos’è l’onestà? Questa è una domanda che può fare solo “chi fa il furbo”. Tutti sanno che l’onestà è “Non fare agli altri ciò che non vorresti fosse fatto a te”.

Le società moderne nelle quali manca l’onestà si distruggeranno anche se in esse i politici cercheranno di porvi rimedio con 150.000 leggi.

 

Chi ha vissuto o lavorato nei paesi europei a Nord delle Alpi, ha sicuramente verificato che la qualità della vita è decisamente migliore che in Italia. Ha anche potuto verificare che l’onestà tra cittadini è molto maggiore di quanto sia in Italia.

 

Con questo non intendiamo dire: noi siamo gli onesti e vogliamo con noi solo persone oneste.

Intendiamo dire questo: la scienza ci ha dimostrato che è molto più facile mantenere a lungo la salute con un certo stile di vita che preveda sport e alimentazione adeguati. Pertanto i genitori, la scuola, i  mezzi di informazione dovrebbero educare, educare, educare. In caso contrario le malattie sono in agguato per aggredirci.

Così funziona anche nei rapporti sociali. Possiamo decidere di invitare (se non vi piace il termine educare) gli italiani a “fare sempre i furbi”, “fregare sempre gli altri”, cercare sempre il modo di esercitare l’astuzia perché “fatta la legge sia trovato l’inganno”.

Alla fine però non lamentiamoci se la vita quotidiana diventa l’inferno che conosciamo, e non attendiamoci dai politici quel paradiso in terra o quelle riforme che, anche loro furbi e disonesti, ci promettono per avere i nostri voti.

 

Data Titolo Autore Pubblicato su
17/04/2013 La morale si ferma al limite dell'area di rigore De Bellis Giuseppe Il Giornale