BASTA AI VENDITORI ABUSIVI NON DISERTATE IL VOTO ARGOMENTI
 
 

Sogni di gioventù

La mia vita ed i sogni di uno studente lavoratore 

Non racconto i miei sogni di gioventù perché penso siano interessanti, ma solo perché sono sicuro che  molti si riconosceranno per aver fatto percorsi analoghi.

IL PERCORSO DIDATTICO

Avviamento al lavoro

Dopo le elementari ho frequentato tre anni di “Avviamento al lavoro”. Ho perso alcuni amici delle elementari perché andarono alle scuole medie. In quei tre anni scoprii che mi piaceva molto di più studiare anziché fare i laboratori e le esercitazioni di officina (officina legno ed officina ferro).

 

 

Studi superiori

Nessun dubbio in famiglia. Avrei frequentato la “scuola professionale di tre anni” per ottenere l'attestato di E.I.B.T. (Elettricista Impiantista Bassa Tensione) e poi il lavoro. Finito il terzo anno di “avviamento al lavoro” ebbi davanti tre mesi per poter lavorare. Fra Savigliano e Saluzzo ci sono campi di frutteti che si estendono a perdita d'occhio (pesche, pere, mele). A quei tempi non si coltivavano ancora i kiwi e non c'erano schiere di immigrati. Questo tipo di lavoro veniva fatto ancora volentieri dagli italiani. Partivo da casa, alle 7:30, in bici e dopo aver percorso circa 10 km, arrivavo verso le 8:00 alla cascina. Alle 12:00 pranzavo nel cortile, all'ombra di una grande quercia, su di un tavolaccio, insieme con i padroni e gli altri aiutanti. Alle 17:00 riprendevo la mia bici e tornavo a casa. Questo fu il mio programma settimanale durante i mesi estivi di luglio, agosto e settembre. Ad ottobre ricominciava la scuola e devo confessare che tra ponti e malattie fasulle riuscivo ancora a lavorare abbastanza giorni tra ottobre e novembre.

 

  

L'accesso al contenuto è riservato agli iscritti. Se desideri iscriverti clicca qui: Registrazione